Sentiero pedo-ciclabile Ovindoli – Rovere

L’itinerario che proponiamo è un magnifico tratto della pista pedo-ciclabile più alta d’Italia: il circuito dell’Altopiano delle Rocche, tra i 1400 e 1200 metri slm. Sono 34.4 chilometri di pista pianeggiante con fondo misto che attraversa un altopiano carsico dell’Appennino centrale all’interno del territorio dei comuni di Terranera, Fonteavignone, Rocca Di Mezzo, Rocca di Cambio, Rovere e Ovindoli tra le dorsali del Velino a nord-ovest e quella del Sirente a sud-est, all’interno del parco regionale Sirente Velino. Il percorso qui scelto è quello che parte da Ovindoli e si conclude nell’area faunistica del Camoscio Appenninico. La pista pedo-ciclabile arriva fino a Rocca Di Cambio ma, questo tratto, è caratterizzato da pendenze, sali e scendi, dislivelli marcati.

Come si raggiunge

Da Pescara: Autostrada A25 uscita Aielli/Celano e proseguire prima in direzione di Celano, superarlo e dirigersi verso Ovindoli. Prendere la direzione Rovere. Appena superata la rotonda, subito dopo il paese di Ovindoli, sulla destra inizia il nostro percorso.

Da Roma: Autostrada A24, uscita Tornimparte – Campo Felice attraversare la galleria Serralunga proseguire su strada statale 696 del Parco R. Sirente-Velino verso Ovindoli. A pochi km dal centro abitato e prima della rotonda, inizia la pista pedo-ciclabile

Punti panoramici

L’altopiano, gode di una ottima posizione centrale all’interno del Parco. Questa consente di poter avere una visuale molto ampia, tanto da abbracciare le cime e le montagne più alte dell’Appennino Centrale. Dalla pista si possono ammirare: ad ovest i Monti della Magnola con le sue famose piste da sci e Monte Rotondo, a nord-ovest Monte Ocre e Monte Cagno, a sud-est il Monte Sirente. Ad est la vista arriva senza ostacoli di sorta sull’intera catena del Gran Sasso d’Italia.

Luoghi di interesse naturalistico e/o storico da visitare

Nell’altopiano delle Rocche troviamo tre comuni di interesse sia storico sia ambientale: Rocca di Mezzo, Rocca di Cambio e Ovindoli .[1]

Rocca di Mezzo conserva ancora, nella parte alta del paese, il centro antico: porzioni di mura medioevali e alcune abitazioni originarie adornate da bifore e portici.[2] Di rilievo è la chiesa parrocchiale di S. Maria della Neve. Importante frazione di Rocca di Mezzo è Rovere. Il suo territorio è uno dei centri più antichi dell’altopiano: in epoca italica era il confine tra il territorio dei Vestini, dei Marsi e della Valle Subequana ad est. Conserva diverse tracce del suo passato, come i resti del centro fortificato e tre chiese medioevali, danneggiate dai terremoti del 1915 e del 2009.[3] Da visitare i ruderi del castello e del borgo fortificato, la Chiesa di S. Pietro con annesso museo archeologico e la Chiesa di S. Maria delle Grazie.

Rocca di Cambio, invece, con i suoi 1.400 metri di altitudine è il comune più alto dell’Appennino e nel suo territorio ospita la stazione sciistica di Campo Felice. Il terremoto del 2009 ha danneggiato gravemente l’Abbazia di Santa Lucia, monumento nazionale dal 1902, che è uno dei complessi abbaziali gotico-romanici più importanti d’Italia. Un vasto ciclo pittorico decora interamente la piccola chiesa.[4] L’Abbazia, risalente al XII secolo, fu probabilmente edificata sul ramo della via romana Claudia Nova che congiungeva Alba Fucens a Fossa passando sull’Altopiano. All’interno sono custoditi affreschi di rara bellezza che risalgono al XII-XIII secolo, simili a quelli delle chiese di Fossa e Bominaco. Rappresentano scene della vita di S. Lucia, il ciclo della Passione di Cristo e l’Assunzione della Vergine.[5] Altri edifici degni di nota sono la chiesa di San Pietro dove, secondo la tradizione, vi è un affresco legato a un miracolo avvenuto nel  1822; la Chiesa madre della Ss. Annunziata, già oggetto di un impegnativo restauro concluso nel 1999. E’ stata riaperta al culto un anno dopo il sisma del 2009[6].

Anche Ovindoli ha avuto, sin da tempi remoti, una preminente attività difensiva e di controllo, data la sua posizione geografica. L’antico castello marso, insieme a quello di Rovere, conservò nel corso dei secoli questo ruolo strategico, anche quando la sviluppata economia pastorale lo trasformò in luogo di transito e sosta della transumanza.[7] Infatti Ovindoli era una delle tappe dell’antico tratturo Celano-Foggia.

L’altopiano delle Rocche, con i suoi comuni e le sue montagne ospita il comprensorio sciistico delle Tre Nevi. Nato nel 1997, oggi è composto da tre località sciistiche: Campo Felice, con i suoi due versanti di Lucoli e Rocca di Cambio, Ovindoli e Campo Imperatore.[8]

Breve descrizione del sentiero segnalato

Il percorso parte dal Comune di Ovindoli, in Via Casetta degli Alpini, località il Campo, all’altezza di un gazebo con tavolo e panche. Si cammina in direzione di Rovere per circa 3 km. All’ingresso di Rovere si prosegue il tragitto fino a costeggiare l’area faunistica del camoscio. Si procede all’incirca per 1 km fino a raggiungere il fontanile accanto al cimitero. Qui termina il nostro percorso ma non la pista ciclabile che prosegue in direzione di Rocca Di Mezzo.

Completamente pianeggiante, l’anello ciclo pedonale è stato completato nel 2012. E’ realizzato su carreggiata separata rispetto alla strada statale, perciò è in totale sicurezza. Adatta anche ai bambini. Ovviamente d’inverno diventa una pista per sci di fondo.[9] Come già accennato, una volta a Rovere, si costeggia la Riserva del camoscio appenninico. La recinzione è molto snella e consente di vedere perfettamente gli eventuali animali di passaggio. A maggio 2017 è stato avvistato, durante le attività di controllo, un nuovo cucciolo. E’ stato chiamato Narciso, in onore della celebre festa dedicata all’omonimo fiore, simbolo di Rocca di Mezzo.

Parcheggi: Il parcheggio, su sterrato, si trova davanti la chiesetta degli Alpini di Ovindoli, a pochi metri dell’inizio del percorso.

Punti d’acqua potabile: A fine percorso, di fronte l’area faunistica c’è un fontanile che funge anche da abbeveratoio per gli animali.

Bagni pubblici: Non presenti sul percorso. Bisogna recarsi in uno dei bar o dei ristoranti di Rovere.

Punto di ristoro: Giunti a Rovere, i bar più vicini al percorso ciclo-pedonale sono Lù bar e Il Camoscio. Nella paese sono presenti numerosi ristoranti e alberghi, ma non particolarmente facili da raggiungere per chi è in carrozzella.

Presenza di ausili in loco: Non presenti.

Presenza di volontari e personale di supporto: Non presenti

Caratteristiche del percorso

lunghezza percorso: 3,3 km

tipologia di viabilità: strada mista (sterrata-asfaltata) in ottime condizioni, larga circa 3 metri.

gradi di difficoltà: non presenta difficoltà alcuna

dislivello: non ci sono pendenze rilevanti

punti di sosta dotati di panche riparate: il percorso presenta più punti sosta con tavoli e panche: all’inizio troviamo panche e tavolo, a metà c’è un gazebo esagonale con tavolo e panche fisse, alla fine panche e tavoli nei pressi del centro abitato di Rovere.

manto del tracciato: asfalto ecologico ricoperto di ghiaietto.  

percorribilità: percorribile a piedi, in bici, con passeggini e in carrozzina.

confort sul percorso: la pista è completamente esposta, le panche  e i tavoli non sono completamente riparati.

confort all’arrivo: accanto al fontanile, vicino alla recinzione della riserva dei camosci, sono presenti quattro tavoli con panche, non coperti. Ma nei pressi della riserva ci sono bar e punti ristoro coperti.

periodo consigliato: maggio-ottobre

peculiarità: il percorso è di interesse naturalistico, storico-artistico e paesaggistico.

 

Centro visita camoscio appenninico e area faunistica, Fraz. di Rovere, Rocca di Mezzo (AQ)

E-mail: centrovisita.camoscio@sirentevelino.it 

[1] http://roccadimezzo.org/altopiano-delle-rocche

[2] http://www.abruzzo24ore.tv/news/Itinerario-Rocca-di-Cambio-Rocca-di-Mezzo-Rovere-Ovindoli-San-Potito

[3] https://it.wikipedia.org/wiki/Rovere_(Rocca_di_Mezzo)

[4] Meraviglie sconosciute d’abruzzo, 7. Le vie del verde, Carsa edizioni, Pescara, 2000

[5] http://www.parcosirentevelino.it/pun_dettaglio.php?id_pun=1306

[6] http://www.italoamericano.org/story/2013-11-26/Pista-Ciclabile

[7] http://www.ovindoli.terremarsicane.it

[8] https://it.wikipedia.org/wiki/Ovindoli

[9] https://www.piste-ciclabili.com

Fotogallery